indios-jurua-difesa-ayahuasca

Indios si riuniscono nello Juruá per difendere l’uso sacro dell’ Ayahuasca

FONTE: https://www.ac24horas.com/2018/08/12/indigenas-do-acre-se-reunem-no-jurua-para-defender-o-uso-sagrado-da-ayahuasca/

L’ayahuasca è una bevanda sacra utilizzata anticamente dai popoli indigeni che abitano i bacini dei fiumi Purus e Juruá.

Oltre ad essere considerata una delle principali medicine della foresta, l’uso rituale della bevanda ha anche una forte influenza sulla formazione spirituale e culturale delle popolazioni indigene di queste regioni.

Preoccupati per l’uso inappropriato dell’ayahuasca da parte di “avventurieri” con obiettivi di business, diversi Pajè (sciamani) e leader di gruppi etnici indigeni dello Juruá si sono incontrati per discutere la questione nella terra dei Puyanawas, nel comune di Mâncio Lima.

I popoli Puyanawa, Ashaninka, Yawanawa, Huni Kuî , Nukini, Kuntanawa, Noke Koi, Shanenawa e Nawa , hanno inviato i loro rappresentanti per la seconda Conferenza indigena sull’Ayahuasca , iniziata sabato 11 agosto e conclusasi Domenica 12 agosto 2018 . Nel corso di queste giornate di conferenza le etnie ayahuasquere presenti , sono intervenute con l’intento di elaborare un documento per suggerire la regolamentazione dell’uso del sacramento vegetale.

Vogliono combattere l’avanzata dei ciarlatani che si spacciano per Pajé ma senza averne titolo, senza avere la preparazione necessaria per il ministero della conoscenza spirituale e curativa dell’ayahuasca. Secondo gli indigeni, l’uso distorto della bevanda sacra può causare gravi danni psichici agli utenti ignari.

Uno degli organizzatori dell’evento, Luiz Nukini , che oltre ad essere un leader della sua tribù che vive sulle rive del Rio Môa, è anche un funzionario FUNAI ( Fondazione nazionale dell’Indio, è l’organo del governo brasiliano preposto all’elaborazione e all’implementazione delle politiche riguardanti i popoli indigeni ) ha spiegato gli scopi della conferenza.

Secondo Nukini, tutti i popoli originari nativi dell’ Acre usavano l’ayahuasca, ma i contatti con altre culture religiose hanno causato un forte impatto e il conseguente abbandono di queste pratiche della pajelança (pagelanza – traduzione fonetica).
Tuttavia, alcuni anni fa, c’è stato un forte movimento verso la riconquista di questa conoscenza ancestrale da parte delle popolazioni indigene.

“Vogliamo fornire alle popolazioni indigene una riflessione sull’ayahuasca come punto centrale della nostra spiritualità, creare un dibattito sull’uso rituale dell’ayahuasca che ha superato i limiti delle nostre terre e ha conquistato il mondo. Quindi stabilire delle norme per relazionarci con altre tradizioni cristiane ( come il Santo Daime ) che come noi usano questa bevanda, e con gli stranieri”, ha detto.

I “falsi” pajés

Il giovane Bira Júnior Yawanawa, ha valutato il problema dell’utilizzo di questo medicinale per le persone in cerca di guarigione e trasformazione. Secondo lui, gli Indios che lasciano i villaggi per amministrare questa conoscenza non sempre sono pronti.

Siamo preoccupati per il modo in cui viene usata l’ayahuasca fuori dai villaggi. Molti giovani hanno approfittato della richiesta di persone non indigene in cerca di guarigione e conoscenza fornite dall’ayahuasca. Così alcuni abbandonano i loro villaggi in modo inappropriato e senza il permesso dei loro capi e caciques.

Noi Yawanawa ci battiamo e lavoriamo duramente contro tutto questo perché abbiamo un nome da proteggere. È una medicina molto forte che richiede una grande cura e precauzione. Le persone della nostra tribù che lavorano con l’ayahuasca attraversano un lungo processo di preparazione e studio con i nostri Pajé. Se qualcuno non passa attraverso questo processo, potrebbe mettere a rischio la vita degli altri.

Ci sono persone al di fuori dei villaggi che vengono ingannate da qualcuno che arriva con un cocar (copricapo di piume) e tutto dipinto dichiarandosi Pajè-sciamano. Ma chiunque volesse sapere se quella persona è un vero sciamano dovrebbe poter usare la tecnologia disponibile e cercare su Internet se ha davvero uno studio, una preparazione e un’autorizzazione per utilizzare questo medicinale.

Perché molti ciarlatani e aspiranti neo-sciamani hanno approfittato della buona fede di persone disperate che cercano la cura delle malattie. Questa è una cosa seria sulla quale stiamo discutendo per non volgarizzare la nostra medicina”, ha sostenuto Bira Jr.

Il diritto di usare e trasportare l’ayahuasca

Luiz Puwe, uno dei leader dei Puyana ospiti della Conferenza, predica la valorizzazione culturale dell’ayahuasca nei villaggi.
“Questa conoscenza si è diffusa nel mondo e molti stanno facendo un uso sbagliato di questo rimedio. Dobbiamo guidare i più giovani perché questa conoscenza che proviene dai nostri antenati non può essere volgarizzata. Poiché comprendiamo che l’ayahuasca può essere una cura per il mondo, e il mondo siamo noi, allora dobbiamo tradurre attraverso il nostro esempio di vita il risultato di questa conoscenza spirituale.

Attraverso l’ayahuasca possiamo raggiungere importanti livelli di comprensione per una cultura più sana e più prospera nelle nostre comunità. Quindi vogliamo portare ai parlamenti del nostro paese e anche alle Nazioni Unite, il diritto a questo riconoscimento dei benefici della nostra medicina, per garantire anche il diritto delle persone a portarlo dove è necessario“, ha detto Puwe.

Per Benki Ashaninka, a volte altre tradizioni cristiane che usano l’ayahuasca sembra abbiano più diritti sul suo uso e trasporto rispetto ai nativi stessi che sono i detentori originali di quella conoscenza.
“Stiamo prendendo conoscienza di tutte le popolazioni indigene che vivono nell’Acre e usano l’ayahuasca come loro medicina tradizionale, per comprenderne il suo utilizzo.

È importante portare responsabilità nei nostri popoli. L’ayahuasca è nel mondo, ma abbiamo una preoccupazione perché a volte le persone non indigene hanno più probabilità di usarla nel mondo rispetto agli stessi indigeni. Vogliamo che il nostro paese abbia leggi affinché questo uso sia rispettato, perché è un’antica cultura dei nostri popoli originali. Dobbiamo avere un allineamento tra di noi in modo che possiamo essere rispettati da tutti all’esterno“, ha concluso Benki.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.